Please use this identifier to cite or link to this item: https://www.um.edu.mt/library/oar/handle/123456789/49974
Title: La mediazione tra culture affini e le sfide della formazione di traduttori dall’italiano al maltese
Authors: Portelli, Sergio
Keywords: Translators -- Malta
Translating services
Translating and interpreting
Translators -- Education (Higher)
Translators -- Supply and demand -- Malta
Italian language -- Translating
Issue Date: 2017
Publisher: Università Nazionale e Kapodistriaca di Atene
Citation: Portelli, S. (2017). La mediazione tra culture affini e le sfide della formazione di traduttori dall’italiano al maltese, Athens. 88-98.
Abstract: Negli ultimi trent’anni si è registrato un significativo cambiamento nella percezione dell’importanza della traduzione e del ruolo del traduttore come mediatore tra culture. La traduzione non è più considerata una mera attività linguistica in cui si traspongono quasi meccanicamente le parole da una lingua all’altra. Dopo la svolta culturale degli anni Novanta, il punto focale della disciplina si è spostato dalla trasposizione linguistica a quella culturale. La traduzione è uscita dall’ambito ristretto della linguistica applicata, e la traduzione letteraria non è più rimasta un aspetto marginale della letteratura comparata. Le sfide poste dalle caratteristiche culturali dei testi sono diventate un punto focale nella pratica della traduzione, e la necessità di comprendere le questioni più profonde della traduzione ha portato gli studiosi a rivolgersi ad altre discipline come gli studi culturali e la comunicazione interculturale. Inoltre, il traduttore ha cominciato a vedere il suo ruolo trasformarsi da quello di linguista bilingue a quello di mediatore culturale. Tale spostamento di attenzione ha costituito uno spartiacque nello sviluppo degli studi sulla traduzione. Tuttavia, va detto che la nuova concezione del ruolo mutevole del traduttore non è stata ancora universalmente accettata, sia all'interno che all'esterno della professione. Di conseguenza, si rende necessaria una riflessione su come si possa trasmettere agli studenti di traduzione la consapevolezza dell’importanza del loro ruolo di mediatori culturali e delle responsabilità che ciò comporta. Il progresso tecnologico nelle telecomunicazioni e l’avvento di internet hanno messo in contatto popoli e culture come mai nella storia dell’umanità. Sul piano socio-economico, ciò ha facilitato gli scambi commerciali e portato alla globalizzazione che caratterizza i nostri tempi. Tuttavia, ci si è resi conto che per avere successo a livello globale, è necessario adottare strategie diverse a seconda del mercato che si vuole penetrare. Di conseguenza, la localizzazione ha assunto un ruolo fondamentale e richiede professionisti che abbiano una profonda conoscenza non solo della lingua, ma anche della cultura di arrivo. Si è diventati sempre più consapevoli del fatto che la traduzione non riguarda solo le parole, ma richiede anche una trasposizione culturale che rispetti la visione del mondo dell’utente o del cliente ultimo, al fine di trasmettere un messaggio che sia efficace e che permetta di raggiungere gli obiettivi prefissi. La traduzione non si limita solo a ciò che viene detto (o scritto), ma deve trasporre anche ciò che è sottinteso. Questo è il motivo per cui l’opinione diffusa che i traduttori possano essere completamente sostituiti dall'intelligenza artificiale si sta rivelando errata. La ricerca sull'evoluzione del settore della traduzione mostra che le opportunità di lavoro nel settore linguistico richiedono la capacità di svolgere una mediazione culturale, soprattutto sotto forma di localizzazione per prodotti e servizi. Tuttavia, molti traduttori sono inconsapevoli della situazione e continuano a percepire la loro professione in modo tradizionale. Come ha osservato giustamente Katan, i traduttori “devono abbandonare la loro immagine di fotocopiatori e dizionari umani per essere visti come agenti visibili che portano le persone a capirsi a vicenda”.
URI: https://www.um.edu.mt/library/oar/handle/123456789/49974
ISBN: 9789604662050
Appears in Collections:Scholarly Works - FacArtTTI

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
La_mediazione_tra_culture_affini_e_le_sfide_della_formazione_di_traduttori_dall’italiano_al_maltese_2017.pdf
  Restricted Access
2.72 MBAdobe PDFView/Open Request a copy


Items in OAR@UM are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.